Un tridente di panini per gli Azzurri

panini

 

 Per gustarsi al meglio e in modo sano una partita con gli amici, ecco le ricette della dottoressa Carla Lertola. Che schiera ricotta, aringhe, caprino, bresaola e molto altro. Titolare inamovibile, la birra. 

Francia 2016: pronti, via. Giugno è il mese degli Europei di calcio, e mai come ora gli Azzurri avranno bisogno del nostro tifo. Radunate gli amici, dunque, e concentratevi. Perché il girone, da subito, è di quelli difficili: Belgio, Svezia e Irlanda. Tra una sofferenza e l’altra, però, non bisogna perdere di vista gli schemi del metodo di Carla Lertola. Ecco dunque i tre panini messi a punto dalla specialista in Scienze dell’alimentazione per godersi la partita in modo sano e gustoso: mediterraneo, nordico e sobrio con gusto.

Ricetta – Panino mediterraneo

Ingredienti per il panino mediterraneo (per una persona, come quelli successivi): 100 g di pane tipo ciabatta, 2 filetti d’acciuga, 50 g di ricotta, 80 g di pomodoro, 5 g di capperi sotto sale, basilico, olio extravergine d’oliva. Farcite il panino alternando acciuga, ricotta, fette di pomodoro, capperi ben dissalati e foglie di basilico e condite con un filo d’olio.

Ricetta – Panino nordico

Ingredienti per il panino nordico: 100 g di baguette ai cereali o bocconcino multicereale, 60 g di filetti di aringa affumicata, 25 g di cipolla rossa, 1 foglia di lattuga, 40 g di yogurt greco 0%, succo di limone, sale, pepe. Farcite il panino con l’aringa, e aggiungete cipolla tagliata a fettine, la foglia di lattuga e lo yogurt acidificato con succo di limone e condito con sale e pepe.

Ricetta – Panino sobrio con gusto

Ingredienti per il panino sobrio con gusto: 100 g di filoncino kornspitz, 40 g di formaggio caprino fresco, 40 g di bresaola, erba cipollina, sale, pepe. Spalmate il panino con il formaggio, condite con sale e pepe, disponetevi sopra la bresaola e un po’ di erba cipollina tagliata finemente.

_foto secondaria panini

Leggerezza e omega 3

Nel panino mediterraneo ad essere protagonista è la ricotta vaccina: «Il più leggero dei formaggi con le sue 150 kcal ogni 100g», spiega Carla Lertola. Le acciughe, invece, fanno parte della famiglia del pesce azzurro e sono quindi ricchissime di omega 3. «Per facilitarne la digeribilità serale consigliamo quelle sotto sale». E poi ci sono i primi pomodori di stagione. «Tra i loro benefici ricordiamo la presenza del licopene, antiossidante naturale. E non dimenticatevi dei capperi: sono ricchi di vitamina C e hanno effetti diuretici». Nel panino nordico (magari contro i nostri avversari svedesi…) compare un pesce tipico dei mari dell’Europa settentrionale, ma in realtà ben presente nella gastronomia italiana: l’aringa affumicata. «Anche lei è un pesce azzurro. Certo, è anche un pesce grasso (217 kcal ogni 100 g di prodotto contro i 96 dell’acciuga), ma si tratta di grassi “buoni” come gli omega 3. E poi è molto ricco di proteine, che rappresentano il 24,6% del prodotto». Importante, poi, il ruolo della cipolla rossa, «ricca di flavonoidi che hanno un’azione antiossidante, aiutano a prevenire l’insorgenza dei tumori e, per i diabetici, aiutano ad abbassare il livello di zuccheri nel sangue». E lo yogurt greco? «È povero di lattosio e favorisce il transito intestinale».

Infine, terza punta del nostro tris di panini è il panino sobrio con gusto, con un formaggio caprino che ricorda un po’ i pascoli irlandesi. «Il latte di capra – spiega la dottoressa Lertola – è il più simile in assoluto a quello materno. È quindi più digeribile e adatto alle persone che hanno difficoltà a digerire il latte. Ma è anche più ricco di ferro, di calcio e di vitamine». Quanto alla bresaola, «con le sue 153 kcal/110 g è l’affettato più magro in assoluto». Infine, da bere: «La classica birra va benissimo, purché non si esageri».

L’aringa, pesce della nostra tradizione

Pesce nordico, l’aringa, eppure da sempre parte della cucina italiana, soprattutto in Lombardia e in Veneto. Merito della sua capacità di essere conservata sottosale o affumicata, che la rendevano un tipico piatto povero. Curiosa, in particolare, la storia dell’aringa a Motta di Livenza (Treviso): il paese, nel 1499, venne assaltato dai Turchi provenienti dai Balcani, che confidavano nelle distrazioni del Carnevale. Invece gli abitanti respinsero l’attacco. Ma il giorno dopo era il mercoledì delle Ceneri, e così la vittoria poté essere festeggiata solo con della poverissima polenta e aringa (“polenta e renga”). Era il “mercore grot” (mercoledì triste), oggi festeggiato in numerose sagre.

ARINGA

Il calendario degli Europei

I campionati europei di calcio Francia 2016 prenderanno il via il 10 giugno alle ore 21 con Francia-Romania. L’Italia debutterà il 13 giugno alle 21 contro il Belgio, per poi giocare il 17 giugno (ore 15) contro la Svezia e il 22 giugno (ore 21) contro l’Irlanda. Tutte le partite saranno trasmesse da Sky; 27 anche dalla Rai, Nazionale compresa. Si qualificano le prime 2 classificate dei 6 gironi, più le 4 migliori terze. Gli ottavi di finale prenderanno il via il 25 giugno, i quarti il 30. La prima semifinale si disputerà a Lione il 6 luglio, la seconda il giorno seguente a Marsiglia. Finale il 10 luglio a Parigi.