Buoni propositi

Chi ritrova un amico, ritrova un tesoro: ecco come

Che sia un compagno di scuola o un ex collega, riallacciare i rapporti con un vecchio amico è una missione possibile anche grazie ai social media. Basta fare qualche ricerca su internet utilizzando

i principali social network e scrivergli un messaggio per proporre un’uscita.

L’amicizia può durare nel tempo, superare le distanze e i momenti di distacco: recuperare un amico con cui abbiamo trascorso un momento particolare della nostra vita non solo è possibile ma è fonte di grande gioia e ricchezza.

Perché ricontattare un vecchio amico

L’amico del liceo, la compagna della squadra di pallavolo, i ragazzi che incontravamo tutte le estati al mare. Non solo la curiosità, ma anche e soprattutto la voglia di riallacciare un legame può spingerci a cercare una persona con la quale non siamo più in contatto. Un nuovo incontro, a distanza di anni, potrebbe sorprenderci, arricchire la nostra vita: ecco perché vale la pena tentare. Da adulti è sempre meno facile stringere nuove amicizie a causa degli impegni di tutti i giorni sia a livello lavorativo che familiare. Ritrovare un amico e creare lo spazio affinché un rapporto possa rinascere su fondamenta costruite in passato è un’ottima idea per riportare il valore dell’amicizia al centro della propria quotidianità.

L’aspetto più utile dei social

Siamo bombardati da foto, notizie, aggiornamenti su Facebook, Twitter, Instagram. Spesso inutili o comunque dispersivi. Eppure questi mezzi di comunicazione costituiscono un’opportunità straordinaria che facilita in maniera esponenziale rispetto al passato la possibilità di “ritrovare” le persone. Facebook è il primo luogo in cui cercare: per nome, per località, nei gruppi d’interesse, sulle pagine di scuole, luoghi di lavoro, ambienti che pensiamo il nostro amico possa frequentare, oppure facendo una piccola indagine tra i partecipanti a un evento al quale immaginiamo possa essere stato. Insomma, bisogna trasformarsi in piccoli investigatori e aguzzare l’ingegno: i social aiutano tantissimo.

Anche su LinkedIn e Google

Non trascurate LinkedIn: un altro ambiente virtuale che raccoglie una marea di informazioni, dove cercare per professione, aziende in cui le persone lavorano o hanno lavorato, colleghi o ex colleghi in comune, gruppi professionali. E poi, la base di tutte le ricerche: Google. Scrivete “nome cognome” (tra virgolette) della persona che state cercando, e se non esce nulla nei primi risultati provate ad aggiungere qualche dettaglio come il luogo di residenza o di origine, di lavoro, l’associazione sportiva o culturale di cui faceva parte: vedrete che qualcosa uscirà. Starà a voi, poi, mettere insieme i pezzetti del puzzle.

Dalla ricerca al contatto

Avete trovato il vostro amico. E ora? È un passaggio delicato. Siate curiosi ma non invadenti, decisi ma rispettosi. Dipende, naturalmente, da quanto tempo è passato e da come vi siete lasciati l’ultima volta. In ogni caso, un po’ di prudenza non guasta. Su Facebook, ad esempio, se mandate una richiesta di amicizia accompagnatela sempre con un messaggio di questo genere: “Ciao! È passata una vita. Spero che ti ricordi ancora di me. Sono da poco tornato in città e mi farebbe davvero piacere incontrarti per un caffè: che ne dici?”. Questo naturalmente è solo un esempio. Un caffè, in ogni caso, è un buon inizio, tranquillo e rilassato. Poi, se andrete d’accordo come un tempo, potrete includere piano piano il vecchio-nuovo amico nella vostra vita attuale, presentandolo alle persone che frequentate e riscoprendo così un rapporto del passato in una veste nuova.

Il sito Vecchiamici.it

Oltre ai social e ai motori di ricerca, internet offre anche alcuni siti specializzati per la ricerca di persone. Uno di questi è Vecchiamici.it, un sito gratuito, semplice e veloce, pensato per dare la possibilità di ritrovare un amico, un conoscente o una persona che abbia un amico in comune con noi. Come funziona? Bisogna iscriversi, inserendo i propri dati e quelli della persona che si sta cercando: il suo nome e cognome e, se si hanno a disposizione, alcuni dettagli aggiuntivi, come il tipo di occupazione, la scuola frequentata, gli hobby e gli sport. Lo staff del sito farà una ricerca, indicandovi i riferimenti dell’amico o fornendovi indicazioni utili per ritrovarlo.

Non solo social media

Se i social non fanno per voi, non disperate: rivolgetevi alle vostre conoscenze. Se infatti da soli non riuscite a trovare il vecchio amico, non è detto che non possa riuscirci qualcun altro. Provate a chiamare qualcuno che frequentava il vostro giro di amicizie o l’ambiente lavorativo comune: un ex insegnante, capo oppure collega. Anche se queste persone non possiedono il numero di cellulare dell’amico in questione, potrebbero darvi indicazioni utili e fornirvi notizie recenti. Provate anche con il sito web delle Pagine Bianche (www.paginebianche.it): magari il telefono di casa e il comune di residenza sono rimasti gli stessi.