Cucinare senza...

Senza capricci, cucinare insieme ai vostri bambini

Richiedi l’opuscolo gratuitamente scrivendo all’indirizzo melaleggo@tigros.it

Giocare in cucina, coinvolgerli mentre preparate la cena e insegnare loro l’importanza del cibo. Questi i punti cardine per far sì che i vostri bambini si divertano con voi in cucina e si dimentichino di fare i capricci.

Lo si sa, i bambini, per attirare l’attenzione spesso fanno i capricci. Non vogliono fare i compiti, non vogliono andare a letto, oppure non vogliono mangiare o assaggiare cibi nuovi. Noi, insieme alla dottoressa dietologa Carla Lertola, ci occupiamo di quest’ultimo problema: qual è il trucco per non far fare loro più capricci in cucina? “È fondamentale condividere con i nostri figli il momento del pasto e far capire che il cibo è condivisione, tradizione e amore incondizionato” spiega. Su questo argomento è stato organizzato, il 7 giugno, un corso gratuito tenuto dalla dottoressa Carla Lertola e dalla sua collega Valentina Bolli (vedi box). Sul tema è stato scritto anche un opuscolo, che potrete richiedere gratuitamente scrivendo a melaleggo@tigros.it.

Fateli cucinare

“Passare del tempo a tavola con i vostri figli è importante, ma anche cucinare insieme a loro è divertente e soprattutto educativo”. Il consiglio della dottoressa è infatti coinvolgere i piccoli di casa, facendoli aiutare a preparare le ricette, mescolare le pietanze, toccare gli alimenti per vedere come cambiano, impiattare in maniera creativa e apparecchiare la tavola.

L’importanza di scegliere

È importante educare i nostri piccoli ad assaggiare tutto, perché un bambino disposto a provare nuovi cibi oggi, sarà un adulto curioso e aperto alle novità domani. Bisogna infatti indirizzarli, fin da subito a consumare soprattutto gli alimenti che gli fanno bene, senza però demonizzare i cibi più zuccherati e calorici. Sì quindi a torte e pizzette, ma in quantità moderate. A tavola, infatti, è bene ritornare alle nostre tradizioni, a quello che con passione ci offrivano le nostre mamme e le nostre nonne. La buona cucina è ricca di legumi che, se associati ai cereali conferiscono tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno, abbonda di frutta e verdura e riunisce grandi e piccini attorno ad un unico piatto. Un piatto che non ha caratteristiche ricorrenti, ma è semplicemente fatto con amore.

La spesa con i bambini

Bene condividere il momento della preparazione dei cibi, ma è ancora meglio partire dal supermercato. Portandoli con noi, sarà bene far notare loro come i cibi abbiano una stagionalità. Solo così potremo far capire ai bambini quanto è prezioso quello che Madre Natura ci dona e di conseguenza l’importanza di non sprecare. “È fondamentale preferire alimenti a chilometro zero (come quelli disponibili nell’Angolo del Contadino del reparto ortofrutta di TIGROS), freschi e di stagione, che apportano al nostro organismo le sostanze nutritive di cui in quel determinato periodo dell’anno si ha bisogno” spiega la dottoressa Lertola. Facciamo inoltre giocare i nostri bambini con i colori. “È bene imbandire sempre la tavola di frutta e verdura di diversi colori – spiega la dottoressa- ogni colore, oltre a portare gioia in cucina, corrisponde anche una sostanza nutritiva differente, fondamentale per la crescita dei nostri piccoli”.

La psicologia del cibo

Come si diceva, è fondamentale che i bambini assaggino tutto. L’importante è però non sforzarli. Proporre cibi in maniera insistente è il modo migliore per farglieli odiare. Date piuttosto voi per primi il buon esempio e vedrete che, in men che non si dica, saranno proprio i vostri piccoli a chiedervi di poter provare quello che state mangiando voi. Un altro atteggiamento da evitare è il “cibo come ricompensa”. In questo modo si instaurano atteggiamenti poco sani, che svuotano il momento del pasto del suo significato più profondo, facendolo diventare una gara vorace, che ha come unico fine il premio.

La fantasia dello spuntino

Niente merende e colazioni monotone, il trucco in cucina con i bambini è trovare trucchetti per rendere gli alimenti poco graditi delle vere leccornie. Via libera agli esperimenti in cucina insieme per preparare merende leggere, ma gustose.

 

 

Corsi di cucina

Le dottoresse Carla Lertola e Valentina Bolli terranno il corso di cucina gratuito “alimentazione e bambini” il 7 giugno al Ristorante Buongusto di Tigros di Solbiate Arno (via del Lavoro 45). Per pre-iscriversi è necessario accedere alla sezione dedicata del sito www.tigros.it o chiamare il numero verde 800905033. Durante queste due ore pomeridiane daranno consigli ai genitori per una sana educazione alimentare per i piccoli di casa. Il focus della lezione è condividere con i figli il momento del pasto per trasmettere buone regole alimentari e passare insieme un po’ di tempo. Sul tema è stato scritto anche un opuscolo (con autrici le due dottoresse) che potrete richiedere gratuitamente scrivendo a melaleggo@tigros.it. Inoltre iscrivendovi alla newsletter di Tigros, riceverete le ricette del corso.

 

Verdure, amiche dei bimbi

I vostri piccoli di casa fanno fatica a mangiare le verdure? Niente paura: è arrivata la filastrocca che vi aiuterà a convincere i bimbi che non c’è nulla di più buono e naturale che mangiare insalate, carote e zucchine. Girotondo della verdura, cibo di chi è senza paura. Le verdure e le insalate la lumachina se l’è mangiate. Ricche di sali e di vitamine fanno vispe le pecorine. Le carote e gli zucchini fanno contenti i caprettini. La lattuga e il finocchio fan saltare meglio il leprotto. L’asinello furbo e testardo mangia il cavolo ed il cardo. Mangia anche tu tanta verdura, cresci più sano e senza paura.