Il fresco più buono

La bontà della pasta e ceci per scaldarsi durante l’inverno

La linea “Le Zuppe di Stagione” propone una nuova ricetta pensata per i mesi più freddi dell’anno. Da gennaio e per tutto l’inverno lasciatevi conquistare dal sapore equilibrato e intenso della pasta e ceci con l’aggiunta di olio extra vergine di oliva.

C’è chi definisce la pasta e ceci un “piatto povero” perché le sue origini riportano alle antiche tradizioni contadine, ma basta assaggiarne una cucchiaiata per accorgersi di quanto sia invece ricchissima di profumi e sapori. Nei mesi invernali è perfetta per una pausa pranzo fuori casa o una cena sfiziosa in famiglia.

Le zuppe di stagione TIGROS

Se avete poco tempo o non amate trascorrerlo ai fornelli, potete andare al reparto ortofrutta: in inverno vi aspetta la pasta e ceci della linea “Le Zuppe di Stagione” subito pronte da gustare. Dopo la vellutata con porri e patate proposta in autunno, TIGROS ha messo a punto una nuova deliziosa ricetta pensata per il periodo invernale. Anche in questo caso, si tratta di una proposta in “edizione limitata”, che si può trovare al supermercato soltanto per un certo periodo di tempo. Il motivo? Viene preparata con i migliori ingredienti di stagione, in base a quanto la natura ha da offrire nei vari mesi dell’anno.

Pronta in pochi minuti

Prelibata e saporita, la pasta e ceci TIGROS è disponibile in comode confezioni salva freschezza monoporzione da 350 grammi l’una. Una volta acquistata, va tenuta in frigo e scaldata pochi minuti in pentola oppure nel forno a microonde. Nel primo caso basta versare il contenuto in un tegame e scaldare a fuoco lento per alcuni minuti fino a portare ad ebollizione. Se invece optate per il forno a microonde, sollevate parzialmente la pellicola protettiva della confezione e impostate alla massima potenza senza grill per circa tre minuti. Poi mescolate, scaldate ancora per un minuto e infine togliete la pellicola protettiva. A questo punto non vi resta che impiattare e sedervi comodamente a tavola.

Le mille virtù dei ceci

La pasta e ceci TIGROS è tanto buona quanto nutriente. È una fonte preziosa di fibre, proteine e contiene pochi grassi. Buono anche il contenuto di vitamine (soprattutto quelle del gruppo B) e di due minerali fondamentali come il magnesio e il fosforo che favoriscono la memoria e contrastano la stanchezza. Da ricordare anche la presenza delle saponine: particolari sostanze che aiutano a ridurre i livelli di colesterolo e trigliceridi nel sangue. Insomma, questo legume non dovrebbe mai mancare nell’alimentazione settimanale, soprattutto in abbinamento ad un cereale, come appunto la pasta o il riso, che ne potenzia gli effetti benefici (vedi box).

L’aggiunta dell’extra vergine di oliva

A rendere unica la Zuppa di Stagione pasta e ceci TIGROS è il suo gusto pieno ed equilibrato. La delicatezza e la dolcezza del legume e della pasta sono impreziosite dall’aggiunta dall’olio extra vergine di oliva. Il condimento simbolo della dieta mediterranea regala alla ricetta un aroma più deciso, intenso e sfaccettato.

Senza conservanti e adatta ai vegetariani

La cottura avviene in maniera lenta e delicata, così da rispettare al massimo le qualità organolettiche delle materie prime. La pasta e ceci TIGROS è prodotta senza conservanti e senza glutammato utilizzando ingredienti 100% vegetali. Per questo motivo può essere apprezzata anche da chi ha deciso di eliminare cibi di origine animale e segue una dieta vegetariana.

Tanti consigli per un piatto sfizioso

La Zuppa di Stagione pasta e ceci TIGROS è deliziosa senza ulteriori aggiunte, se non un filo di olio extra vergine di oliva a crudo. Se però volete donarle una nota più speziata, quando la riscaldate, unite una macinata di pepe nero o, perché no, mezza bustina di zafferano in polvere. Anche il rosmarino e il prezzemolo sono indicati, ma è meglio aggiungerli direttamente nel piatto e non in cottura per evitare che il calore accentui la loro tendenza amarognola. Chi ama il pesce può arricchire la pasta e ceci TIGROS con 5-6 gamberi o scampi cucinati al vapore. Buonissima anche la versione con l’aggiunta di qualche fetta di pancetta scaldata in padella per renderla croccante.

Cereali e legumi, coppia vincente

Avrete sicuramente sentito dire che il modo migliore per mangiare i legumi è quello di associarli ai cereali, come la pasta e il riso. Le proteine di origine vegetale contenute nei ceci, nei fagioli, nei piselli, ma anche nelle lenticchie e nella soia sono infatti “incomplete” dal punto di vista nutrizionale rispetto a quelle della carne e del pesce (alimenti di origine animale) perché carenti di alcune sostanze utili come la cisteina e la metionina, che invece abbondano nei cereali. L’unione di legumi e cereali permette quindi di sopperire a tale mancanza regalandoci un piatto completo sotto il profilo alimentare oltre che buonissimo e saziante.