Poggio delle Faine: spirito antico, gusto giovane

vino

 Dalla Toscana arriva un rosso innovativo, creato dalle Cantine Minini con i vitigni Sangiovese Grosso e Cabernet Sauvignon. Un grande successo già in tutta Europa, portando ancora più in alto il nome dei vini italiani nel mondo. 

Dalle splendide colline di San Miniato, a metà strada tra Firenze e Pisa, arriva un Toscana rosso I.G.T. dal gusto pieno ma dal carattere non troppo austero. Il Poggio delle Faine ha il merito di inserirsi in una tradizione vinicola di grande eccellenza come quella toscana, portando una ventata di freschezza. Fatto maturare per i primi sei mesi in barrique e per i successivi sei in botte grande con un periodo di affinamento in bottiglia, questo vino garantisce un bouquet intenso e un gusto leggermente tannico ma ben bilanciato ed elegante.

Le origini

«Il Poggio delle Faine – spiega Mario Minini, proprietario delle Cantine Minini, produttrici del Poggio delle Faine – nasce da un progetto con dei piccoli produttori di San Miniato per creare un prodotto che rispetti le caratteristiche autoctone ma che, allo stesso tempo, risponda alle richieste dei mercati dei nuovi consumatori, che chiedono vini dal gusto fresco, giovane e di grande bevibilità». Un risultato raggiunto egregiamente dal gusto di questo vino, che nel 2008 è stato nominato “miglior vino rosso presente in Germania” dalla prestigiosa rivista enologica Weinwirtschaft. Le Cantine Minini sono state fondate nel 1920 da Francesco Minini, giovane soldato, tornato da Prima guerra mondiale con un pochi soldi ma con una grande determinazione. Oggi l’azienda si è guadagnata un ruolo di tutto rispetto sui mercati internazionali.

Il territorio

Le colline della provincia di Pisa assumono un ruolo decisivo nella buona riuscita di questo vino rosso. Le estati abbastanza secche contribuiscono a stressare leggermente le viti consentendo una produzione per ettaro minore rispetto ad altre zone, ma una maggiore concentrazione di estratti e profumi.

Il vitigno

I vitigni con i quali si produce il Poggio delle Faine sono il Sangiovese Grosso all’80% e il Cabernet Sauvignon al 20%, anche se le percentuali possono variare leggermente di vendemmia in vendemmia. La raccolta manuale e la selezione in cantina delle uve avviene da metà settembre, per finire a metà ottobre. Gli abbinamenti più consigliati per questo vino dal sapore intenso sono quelli classici: dalla carne alla griglia agli stufati, ma anche i formaggi stagionati. In generale, il Poggio delle Faine sorprende per la facilità della sua beva.