La domanda del Mese

Quale colazione prima di affrontare le piste da sci?

Per praticare questo sport invernale con la giusta carica è importante non appesantirsi troppo ed evitare un consumo eccessivo di proteine. A metà mattina, sì ad uno spuntino.

Con l’arrivo della neve, la stagione sciistica è finalmente cominciata e per affrontare un’intera giornata sulle piste è importante nutrirsi in modo sano ed equilibrato fin dal mattino. A ben guardare, però, la prima colazione di chi scia in maniera dilettantistica non deve essere troppo abbondante né variare da quella tradizionale per evitare che l’organismo si appesantisca e non sia performante. I suggerimenti che seguono valgono quindi per tutti, compresi i bambini e i ragazzi che tornano a scuola dopo le feste natalizie e i loro genitori che riprendono a lavorare.

Chi preferisce la colazione dolce

Per cominciare con la giusta carica la giornata in quota (o in classe o in ufficio), si può scegliere tra uno yogurt bianco, magari arricchito con della frutta fresca a pezzetti con dei cereali o del muesli. In alternativa si può prendere una tazza di latte parzialmente scremato, che risulta meno grasso e più digeribile di quello intero, con dei biscotti secchi oppure delle fette biscottate.

Per gli amanti del salato

Via libera anche alla colazione salata, ma stando attenti a non farla diventare troppo ricca di proteine. Si può optare per un paio di fette di pane tostato spalmandoci sopra un sottile velo di ricotta. Molto nutriente anche il classico pane e olio, mentre se si farcisce il pane con degli affettati, bisogna limitare le dosi e prediligere salumi con poco grasso.

L’importanza dell’acqua e dello spuntino

Se la colazione di chi va a sciare è simile a quella tradizionale, ciò che fa la differenza è lo spuntino di metà mattina, che nel caso di chi frequenta le piste non deve mai mancare. Lo spuntino ideale è rappresentato dalla frutta secca: ricca di energia a lungo termine e pratica da portare in una tasca della tuta da sci. Divieto assoluto, invece, per il bombardino, una bevanda a base di panna, zabaione caldo, brandy e caffè. Oltre ad essere dannoso per la salute, infatti, l’alcol è un vasodilatatore: provoca un aumento del flusso sanguigno e dà una sensazione di calore solo momentanea, per poi condurre a brividi di freddo. Un ultimo consiglio è bere tanta acqua: chi fa sport necessita di un apporto idrico maggiore ed è importante che l’organismo si mantenga sempre ben idratato.