La domanda del Mese

Quali cibi per superare il cambio di stagione?

Spesso la primavera porta con sé un senso di spossatezza e qualche malanno. Un’alimentazione mirata può aiutarci ad affrontare le giornate con più energia, così come il giusto riposo e un po’ di attività fisica.

La primavera è alle porte e la natura finalmente si risveglia. Ma spesso il cambio di stagione porta con sé anche qualche disturbo perché le nostre difese immunitarie sono più basse ed è più facile ammalarsi. Ecco che allora l’alimentazione ci viene in soccorso, aiutandoci ad allontanare quella sensazione di spossatezza e a scongiurare l’influenza.

Vitamine e sali minerali

Il primo consiglio è consumare molta frutta e verdura, soprattutto di stagione perché più fresca è ricca di sostanze nutritive. È utile fare il pieno di vitamine, soprattutto la C, che rafforza il sistema immunitario, e la E, prezioso antiossidante naturale contro l’invecchiamento cellulare. La vitamina C è presente in buone quantità nelle carote, nella lattuga nella rucola, ma anche nei pomodori, nei peperoni e più in generale nella frutta e verdura dal colore aranciato. Ricchi di vitamina E sono invece la frutta secca, i cibi a base di farina integrale e gli oli di origine vegetale. Accanto alle vitamine, un ruolo importante è svolto dai sali minerali, a cominciare da ferro e zinco, che si assumono mangiando carne, pesce e legumi.

La flora batterica

Anche per la flora batterica, ovvero un insieme di microrganismi che vivono all’interno dell’intestino, il cambio di stagione è un momento delicato. Per ritrovare l’equilibrio è utile consumare alimenti ricchi di fibre: cereali integrali e alcune verdure come carciofi e cicoria. Con la stessa finalità possono essere preferiti cibi ricchi di acidi grassi omega 3 e omega 6 quali il pesce (in particolare merluzzo, acciuga, salmone, sardina e aringha: il cosiddetto “acronimo massa”, dalle iniziali dei cinque nomi), la frutta secca (noci e mandorle), l’olio di oliva, di girasole e di semi di lino.

Integratori, sport e riposo

E gli integratori alimentari? La parola d’ordine è attenzione. Prima di assumerli è bene consultare il medico e farsi prescrivere la tipologia più adatta alle proprie esigenze. Il fai da te e l’abuso sono assolutamente banditi, anche perché alcune vitamine, come la A, D, E e K, e altri microelementi, se assunti in dosi eccessive possono avere degli eventi tossici. Non dobbiamo poi dimenticarci di fare sport o comunque muoverci il più possibile: ci sentiremo meglio fisicamente e anche il nostro umore migliorerà. Infine, il sonno: garantirci almeno otto ore di riposo e ci consentirà anche di seguire una sana alimentazione con più facilità.