Azalea indaca, i colori della natura in casa

azalea_indica LA PIANTA DEL MESE

 Una pianta sempreverde che, con fiori graziosi dalle tinte variegate, rallegrerà le stanze delle vostre abitazioni preparandole all’arrivo della bella stagione. 

 

Una pianta originaria di terre lontane, più precisamente del continente asiatico, ma giunta sino ai nostri territori prima grazie alle coltivazioni nella zona del Lago Maggiore. E poi diffusasi rapidamente all’interno di giardini e abitazioni private. È l’azalea indica, varietà dell’amatissimo fiore con il quale potrete creare un angolo allegro e colorato nelle vostre case, che diventerà anche un vero e proprio elemento d’arredamento che annuncia l’arrivo della primavera e con essa del momento di massimo splendore della natura.

La primavera fiorisce

Ideale per la coltivazione in vaso, l’azalea indica è un arbusto sempreverde con fusto sottile e molto ramificato dotato di foglie dal colore verde intenso, leggermente ruvide e ricoperte da uno strato di peluria superficiale, disposte in maniera tale da dare una forma tondeggiante alla pianta. Normalmente raggiunge un’altezza massima di 40-50 cm, perfetta per adattarsi all’ambiente casalingo. La fioritura inizia alla fine dell’inverno e giunge fino alla bella stagione dando vita a una serie di fiori a forma d’imbuto, riuniti in piccoli grappoli e con colori che vanno dal bianco alle diverse tonalità di rosa, rosso, viola e lilla (con la possibile presenza anche di striature che ne vivacizzano ulteriormente l’aspetto cromatico).

I fiori si presentano numerosi e molto fitti, tanto da rendere l’azalea indica un’unica graziosa “macchia” uniforme di colore che può essere anche un’idea-regalo dal sicuro successo.

Cura e protezione della bellezza

All’interno della vostra casa posizionate l’azalea indica in una zona sufficientemente luminosa ma non esposta da fonti di calore e correnti d’aria dirette. Poi, con l’arrivo delle giornate miti della primavera, è possibile spostarla all’esterno, sul balcone o in giardino, assicurandosi che sia ben protetta dal vento. Per quanto riguarda l’innaffiatura, evitate di inzuppare eccessivamente il terreno, preferendo la nebulizzazione delle foglie e l’utilizzo di un sottovaso nel quale versare dell’acqua non calcarea per inumidire la pianta. Per garantire una crescita armoniosa, infine, è opportuno procedere a periodiche concimazioni dalla primavera fino a settembre.