Stracotto di manzo al Chianti

Preparazione:

In genere, si può scegliere di lasciare la carne la notte precedente in una terrina immersa in una marinata (da riutilizzare poi nella successiva cottura) composta dal vino, dagli aromi e dalle verdure tagliate a cubetti: lobiettivo è farla impregnare del sapore e dei profumi degli ingredienti di accompagnamento. Se non avete il tempo per questa fase preliminare, potete direttamente cucinare lo stracotto il giorno precedente. In questo caso tagliate laglio a spicchi e spargetelo sulla carne, quindi pulite e lavate il sedano, le cipolle e le carote e tagliateli a dadini. Versate lolio in una casseruola capiente e lì prima inserite le verdure e quindi adagiatevi sopra la carne, aggiungendo il burro e il sale a vostro piacimento. Infine versate il vino fino a ricoprire allincirca la metà dello spessore del pezzo di carne. A questo punto, chiudete bene la casseruola con un coperchio ed iniziate a cuocere a fuoco alto: quando il vino comincerà a bollire, abbassate la fiamma e lasciate il tegame sul fornello. Il processo di cottura della carne durerà circa tre ore: ogni tanto giratela affinchè ogni lato raggiunga una consistenza simile. Quando il manzo sarà quasi pronto, togliete la casseruola dal fuoco, estraete la carne dal recipiente e passate le verdure con il setaccio, prima di rimetterle dentro alla pentola e farle cuocere a fuoco alto. Quando il vino sarà stato assorbito quasi del tutto rimettete la carne nella casseruola e terminate la cottura a fuoco medio, aggiungendo acqua se necessario in modo da non seccarla troppo. Così sul fondo del recipiente si formerà un sughetto che verserete in un piatto da portata dove disporrete anche lo stracotto affettato.      

Vino Consigliato:

chianti_giglioCHIANTI CLASSICO DOCG GIGLIO DEL DUCA cl. 75

  • Regione Toscana
  • Vitigno Sangiovese Superiore
  • Colore rubino vivace tendente al granato con l'invecchiamento
  • Gusto armonico
  • asciutto sapido
  • Gradi 12
  • Temperatura 18